La storia

“Memoria d’altri tempi”

Il Ristorante Orelli è stato aperto nel 1934 da Orelli Leo e sua moglie Anselmina. Gli stessi hanno avuto otto figli. Quando le sorelle maggiori, Livia e Pola sono cresciute hanno subito collaborato alla conduzione del ristorante, in modo particolare durante l’inverno quando il padre si recava in Francia a fare il marronaio.

Si lavorava prevalentemente con la gente del posto che erano contadini. Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, nel 1939 che si protrasse fino al 1945, a Bedretto, per tutto il periodo bellico vi furono tantissimi militari e naturalmente il ristorante si vide confrontato con un ulteriore grande impegno.
Da non sottovalutare che fino agli anni sessanta a Bedretto vi erano pure una quindicina di guardie di confine che erano evidentemente clienti del ristorante.

Nel 1960, con la morte della madre Anselmina, la conduzione del ristorante fu assunta dal figlio Diego.
Nel 1980 il Ristorante Orelli cambiò nome in Locanda Orelli e Diego, con la determinante collaborazione della moglie Sonia e di sua sorella Gianna (cuoca) cambiò totalmente strategia e divenne ben presto una Locanda di assoluto prestigio tanto da guadagnarsi gli ambitissimi riconoscimenti entrando a far parte delle celebri guide gastronomiche Michelin e Gault-Millau.

Dopo dieci anni di chiusura rinasce pertanto la mitica Locanda Orelli ristrutturata in modo del tutto eccezionale dal Signor Luigi Zanini, conosciutissimo commerciante di vini a Ligornetto, e che sarà gestita dagli altrettanto conosciuti e bravi Alessandro Manfrè (cuoco) e sua moglie Michela di Bedretto.

La nuova apertura è prevista per il mese di marzo 2015.

Fin da questo momento facciamo i nostri più calorosi auguri a Luigi, Alessandro e Michela per un grande successo. Successo che ne siamo fermamente convinti arriderà a questi bravissimi imprenditori.

 Diego Orelli